Le ricette inviate via mail che partecipano al Contest “Il primo dolce non si scorda mai”

In questo post troverete le ricette inviate via email che partecipano al Contest

Questa è la bellissima ricetta di Chiara Borghese. Grazie Chiara per la condivisione di ricordi. Appena posso carico anche le altre foto.

Il mio primo dolce risale a sei anni fa. Chissà se è stato preceduto da altri, sicuramente questo è il primo che ho fatto da sola. Avevo sedici anni, poco interesse per la cucina, ma un fidanzato nuovo nuovo. Preparai questa torta per una delle prime volte che andai a casa sua ed ebbe un gran successo, tanto da diventare la sua torta preferita e da ricordargli casa. Talmente tanto da essere rifatta più e più volte, anche per il nostro sesto anniversario, poco meno di due mesi fa. Se le coppie normali hanno la loro canzone, noi abbiamo la nostra torta.
È una torta semplice, buona, genuina. Può essere preparata in ogni periodo dell’anno poiché in inverno si possono usare le pesche sciroppate, ma dà il meglio di sé in estate, quando le pesche sono mature e fragranti. È ottima in ogni momento della giornata; nelle foto è servita come merenda pomeridiana insieme ad un infuso di menta freddo fatto rigorosamente in casa. 
Oltre ad essere il primo dolce che ho creato da sola è una torta molto importante in quanto ha aperto la strada alle due storie d’amore più grandi della mia vita, quella con la cucina e quella con il mio fidanzato. Da lì, è poi partito tutto quanto.

Torta pesche e cioccolato

 240 g di zucchero
4 uova
200 g di burro fuso
400 g di farina
1 bustina di lievito chimico 
5 grosse pesche
150 g di cioccolato fondente
succo di limone e zucchero di canna q. b.

Lavare bene le pesche, tagliarle a spicchi e porle a macerare con qualche cucchiaio di succo di limone e di zucchero di canna.
Tritare grossolanamente il cioccolato.
Montare le uova con lo zucchero fino ad avere un composto chiaro, denso e spumoso, poi aggiungere il burro fuso a filo, sempre montando.
Setacciare la farina con il lievito e unire al composto di uova continuando a montare.
Aggiungere le gocce di cioccolato e versare il composto in uno stampo da 26 cm di diametro imburrato e infarinato.
Affondare una parte degli spicchi di pesca nel composto e disporre i restanti a raggera sulla superficie. Completare con la marinata delle pesche e cuocere in forno preriscaldato a 180° C per circa 50 minuti.

*************************************************************************

Ancora una ricetta arrivata via mail da un’altra carissima amica che si è messa in gioco per il Contest
Grazie 
La torta allo Yogurt

BUON COMPLEANNO CUCINA PER GIOCO! Ma anche BUON COMPLEANNO LU!… 
e per festeggiare con una buona fetta di torta, cosa c’è di meglio se non il mio cavallo di battaglia?
… è il primo dolce che ho imparato a fare, confesso che non ero proprio fanciulla avendo approcciato un po’ tardi al mondo dolce delle farine e dei forni! 
Comunque sarà stata la fortuna del principiante, fatto sta che è venuta buonissimissima sin dalla prima volta e da allora ogni occasione è quella giusta per prepararla!
.. ah… dimenticavo!! Sto parlando della torta allo yogurt!!
Si quella con i vasetti, proprio quella che posso fare senza pesare gli ingredienti!!
 Cosa si può volere di più?? 😀
Tanto per cominciare… vediamo vediamo che yogurt abbiamo..
 il bello di questa torta è che puoi farla sempre diversa e che va bene a colazione, pranzo, merenda e perché no?.. anche dopo cena!!…
Questa è con lo yogurt pera e pezzi di cioccolato!! 

Ingredienti:
– 3 uova 
– 2 vasetti di zucchero
– 3 vasetti di farina 
– 1 bustina di lievito
– 1 pizzico di sale
– 1/2 vasetto di olio (io metto quello di semi)
– il succo di 1/2 limone
– 1+1/2 vasetti di yogurt (il mezzo che avanza dal secondo vasetto lo assaggio io… devo essere sicura che sia buono!!:-):-))

Occorrente:
– 2 ciotole dai bordi alti (una grande, l altra più piccola)
– fruste elettriche
– stampo da torta (fantasia dello chef!!…tondo, quadrato, a forma di fiore… insomma purché vi piaccia!!)
– mestolo tipo spatola…
….
Dovrei avere tutto… procediamo!!!:-):-)

Preparazione:
Accendo il forno e lo imposto alla temperatura di 180′ (è statico ma se fosse ventilato andrebbe bene a 160′)
Separo i tuorli dagli albumi… metto i primi nella ciotola grande, i secondi nell’altra..
Bene.. prendo la ciotola con i tuorli, aggiungo lo zucchero e monto fino ad ottenere un composto spumoso..
Inizio ad aggiungere la farina setacciata, poco per volta, e con l’ultima dose, o meglio con l’ultimo vasetto aggiungo anche il lievito..
Ok… ora è il turno dell’olio, del succo di limone e del nostro protagonista!! Lo yogurt!!! Mescolo dolcemente con il mestolo fino ad amalgamare gli ingredienti e lascio tutto due minuti in attesa…
Prendo la ciotola con gli albumi, aggiungo un pizzico di sale e monto a neve.. ben ferma mi raccomando!!
Ora… fase finale di assemblamento!!
Unisco gli albumi al resto del composto.
Prendo lo stampo imburrato e infarinato  (il mio ha la cerniera quindi il fondo lo rivesto con la carta forno) e ci verso l’impasto.
Inforno e nel frattempo che aspetto che passino i 35/40 minuti, carico  lavastoviglie con tutti gli “arnesi” usati!! cosi appena la torta sarà pronta per essere sfornata, io lo sarò altrettanto per mangiarla!!!.. scherzo!! :-):-)

Se si preferisce comunque le uova possono essere lasciate intere e montate direttamente con lo zucchero… anche cosi vien bene!!.. io scelgo in base al tempo che ho a disposizione!!..
Sfornata la tortina, la cospargo con lo zucchero a velo e…. BUON COMPLEANNO A VOI, CUCINA PER GIOCO E LU!!! 

******************************************************************************
*****************************************************************************
Raffaella Laconi 
con “La torta all’acqua”

 

Il primo dolce che ho preparato sola soletta mi riporta indietro di parecchi anni.

Ne avevo esattamente 9 e non puoi immaginare la mia felicità quando mamma ha deciso di farmi fare la torta d’acqua. 

Impresa ardua dirai…infatti lo è stata. 
Non tanto per la preparazione, molto divertente, ma per la “brutta” riuscita del mio dolce.
Lo ricordo ancora come se fosse oggi….lo preparo lo inforno e….na schifezza! 
In pratica è cresciuto solo da una parte e l’altra è rimasta completamente piatta. 
Mia sorella mi ha preso in giro (scherzosamente) per anni (ancora oggi se ne parla). 
Ma non mi sono scoraggiata (fortunatamente) e con il tempo ho migliorato le mie qualità di “pasticciona”.
 Il sapore però era buono o almeno questo è il mio dolce ricordo

Ecco gli ingredienti per uno stampo da 20 cm:

farina per dolci 125g
fecola di patate 75g
zucchero 225g
uova 3
lievito vanigliato 1 bustina
scorza grattugiata di 1 limone
6 cucchiai da tavola di acqua
1 pizzico di sale

Procedimento:

Mescolare  i tuorli con una parte dello zucchero semolato, aggiungere man mano le due farine setacciate insieme al lievito, aggiungere la scorza grattugiata del limone. In una ciotola a parte montare gli albumi con il restante zucchero e un pizzico di sale. Unire delicatamente i due composti ed infine i 6 cucchiai
d’acqua appena tiepida. Infornare a 180° per 35/40 minuti.

*****************************************************************************************************************

You Might Also Like...

7 Comments

  • Reply
    simona gentile
    31 maggio 2014 at 18:16

    buonissima Ileana….io la faccio la sera e la mangio quando non ho tempo per cenare….un bacio simona:)

  • Reply
    edvige
    3 giugno 2014 at 13:52

    Ottima senz'altro ma troppo dolce…..per il mom ancora misto mare oggi previsioni pessime per domani speriamo tra un nuvolo e l'altro un pò di sole….ciaoooo buona settimana

  • Reply
    Maria Bruna Zanini
    4 giugno 2014 at 6:50

    Buonissima Ileana. complimentiiii che golosità!
    Ciaoo e buona giornata
    Ti abbraccio

  • Reply
    cucinapergioco
    4 giugno 2014 at 14:36

    I complimenti tutti a Raffaella che mi ha inviato la sua ricetta via mail.
    🙂

  • Reply
    Un'arbanella di basilico
    4 giugno 2014 at 19:16

    Vedo che il contest va alla grande, sono molto felice per te, è stata proprio una bella idea! Prova il pollo con le ciliegie, ha un sapore delicato appena contrastato dalla birra, quella che ho scelto io è bionda ma molto decisa, ma tu ne puoi scegliere una più morbida come la nostra peroni o la moretti, vedrai che non ti deluderà. Fammi sapere. Bacioni

    • Reply
      cucinapergioco
      4 giugno 2014 at 20:45

      Ho in mente la birra che userò 🙂
      Un bacione Carla..

    • Reply
      Un'arbanella di basilico
      5 giugno 2014 at 10:25

      Ciao Ile, non conosco la birra che mi hai indicato, in Belgio questo piatto era fatto con una birra alla ciliegia, molto aromatica, ma "gentile" una birra da signore insomma, dal sapore non invadente. Fammi sapere.

Leave a Reply

CONSIGLIA Insalata di tuberi e yogurt greco